User Tools

Site Tools


en:musso_sasso

FIXME This page is not fully translated, yet. Please help completing the translation.
(remove this paragraph once the translation is finished)

A geological peculiarity


The periadriatic seam


The periadriatic seam, aka. Insubric line, is a distinct geologic fault in Southern Europe, running S-shaped about 1000 km from the Tyrrhenian Sea through the whole Southern Alps as far as Hungary. It forms the division between the Adriatic plate and the European plate. It goes through the northern part of lake Como; down from Valtellina, it gives the Mera river its east-west direction, it runs west-southwest, on the crest above Gera Lario and Gravedona (north of Sasso Pelo), then east-west on the left side of Liro valley.

La linea di Musso


Si tratta di una grossa frattura lineare che risale lungo il lato destro della valle dell'Albano e si prolunga sull'altra sponda del Lario, in direzione di Colico. È resa evidente, vicino al lago, da una dorsale molto visibile, costituita dal marmo di Musso. Si tratta di una roccia bianca, metamorfica, molto più dura e meno erodibile di quelle ciscostanti che, per questo motivo, spicca nel paesaggio. In vicinanza di questa faglia a carattere regionale sono presenti lembi di rocce particolari (che sembrano proprio strappate e trascinate a testimonianza di ingenti movimenti di materiali).
Questi particolari fenomeni metamorfici sono da far risalire ai periodi geologici molto antichi -forse addirittura alla terzultima formazione di montagne, la cosidetta orogenesi caledoniana. Spesso le zone così altamente interessate da fenomeni tettonici, magmatici e metamorfici (rocce cristalline), con la formazione di cunei, livelli, inclusi, filoni, sono quelle dove è più facile trovare arrichimenti di minerali interessanti; ad esempio in queste aree frà Dongo e Germasino fin dai tempi più antichi sono noti giacimenti di ferro.

Il Sasso di Musso


Questa formazione montuosa particolare, che separa Dongo da Musso, presenta un altra caratteristica rispetto alle rocce circostanti: immagazzina calore, con due conseguenze:

  • la vegetazione è diversa, anzi dichiaratamente mediterranea e semi-desertica nell'ambito del Giardino del Merlo;
  • le correnti d'aria vorticose, dal basso verso l'alto, generate in questa situazione particolare, sono utilizzate dagli uccelli i quali, dispiegando le ali, le usano come un ascensore dai 300 metri delle valli sottostanti a più di duemila metri di altitudine.
en/musso_sasso.txt · Last modified: 2017/08/22 01:12 by admin